venerdì 14 settembre 2007

Dialogo #27

Nome.

Thorbjoern Per-Aarne Sigurdsson.

Questi nomi qui andranno bene a casa sua, ma qui no. Nome.

Filippo Rossi.

Ah, ecco. Nato a?

Wellington, Nuova Zelanda.

No, no, no, non ci siamo.

Cernusco sul Lambro.

...s u l L a m b r o. Titolo di studio?

Laurea in lingue orientali, medicina e specializzazione in bioetica con...

No, no, no.

Maturità classica?

Meno, meno.

Licenza media?

Con quante T?

Mah, nessuna.

Faccia poco l'intelligente, che qui gli intelligenti non piacciono a nessuno. Senta, adesso lei mi ha proprio rotto i coglioni. Lei è una mmerda, capito? Una mmerda.
M m e r d a. Eccotelo qua il titolo di studio. Dove ha lavorato fino adesso?

Allora...

Faccio io, và, che facciamo prima. Lavapiatti...succhiava cazzi nei cessi della stazione per pochi euro...

Ma non può scriverci quello!

Ah ah ah ah! Stavo scherzando, valà valà. Se voglio naturalmente ce lo scrivo davvero, ma via...anzi, ce lo scrivo sul serio! Alè! Ah ah ah ah!

Ma...

Dovrebbe leggerlo! Senta un po' qua: Filippo Rossi, nato a Cernusco sul Lambro, titolo di studio mmerda, esperienze di lavoro precedenti: lavapiatti e succhiava cazzi nei cessi della stazione per pochi euro! Aaah ah ah! Ma lei è proprio un disgraziato! Aaaah ah ah! E noi dovremmo dare da lavorare a un disgraziato così? Ma va...

Ma niente di tutto quello è vero! Io...

Cosa? Vuole forse dire che mento? E' questo che vuole dire? Ma io ti spacco la faccia con queste mani, ingrato d'un barbone...e uno cerca anche di dargli un lavoro...come ti chiami? COME TI CHIAMI?

T..Thorbjoern...

NO! TU HAI UN NOME COME TUTTI GLI ALTRI, STRONZO!

F...Filippo Rossi.

Nessun commento: