giovedì 3 luglio 2008

Acqua Sporca

Osservazione. Osservare. C'è poco da osservare. Tutto così normale, così regolare, così banale.
La vita ricomincia ogni mattina. Ogni mattina c'è da preparare il caffè. C'è da berlo. A volte è più buono. Questa è una delle mattine in cui è meno buono. Lenta, amarognola acqua sporca.
Una mattina lenta e sporca. Forse nemmeno. Come ogni cosa che è, è, e ciò e sufficiente. Non fa differenza. Perchè hai mandato giù una tazza di liquido la cui temperatura era un paio di gradi superiore alla temperatura della bocca e ora lo sporco dell'acqua è dentro di te e anche questa mattina avverti i primi sintomi d'intossicazione. Ora ti vesti.
Fast forward.
Ora la tua auto è ferma a un semaforo e ci sono altre auto. Nonostante tu abbia coscienza di te stesso in attesa a un incrocio e tu percepisca te stesso come unico, pensi che ognuno degli automobilisti in attesa allo stesso incrocio ha la stessa percezione di sè e siete tutti uguali, uguali, uguali, normali, regolari, pieni di acqua sporca e già completamente intossicati.